Vivere, lavorare e studiare inglese a Miami

I Miami Heat sono la Squadra Campione del Basket NBA 2012

I Miami Heat sono la Squadra Campione del Basket NBA 2012

LeBron col trofeo di campione del basket NBAI Miami Heat sono i campioni del basket NBA 2012. Con la dominante vittoria 121-106 in gara 5 sugli Oklahoma City Thunder, gli Heat vincono il secondo titolo della loro storia e LeBron James vince il tanto atteso primo anello. E lo vince da indiscusso MVP, da miglior giocatore di queste finali, chiudendo come meglio non potesse questi playoffs che lo hanno visto grande protagonista. LeBron ha chiuso l’ultima partita della stagione con 26 punti, 11 rimbalzi e 13 assist, diventando solo il quinto giocatore di sempre a mettere a referto una tripla doppia nella partita decisiva per il titolo.

Gli Heat hanno quasi sempre condotto la gara, chiudendo il primo tempo sopra di 10 punti dopo essere stati in vantaggio anche di 17. I Thunder hanno provato a rientrare all’inizio del terzo, quando hanno avuto il pallone per andare a -3. Ma come è successo tante volte in queste partite di finale, a Oklahoma City sono mancate le giocate nei momenti chiave per indirizzare le partite in loro favore. Con la possibilità di andare in contropiede infatti, Kevin Durant si è fatto strappare il pallone tentando qualche dribbling di troppo che è risultato in un tiro da tre per gli Heat. Da quel momento Miami ha piazzato il parziale che ha stroncato la resistenza dei Thunder, volando anche a +25.

LeBron è stato il protagonista assoluto ma questa vittoria è arrivata con il contributo di tanti. Se i 24 punti di Chris Bosh e i 20 di Dwyane Wade erano attesi, i 23 punti di Mike Miller con 7/8 da tre sono stati totalmente inaspettati, viste anche le condizioni fisiche del giocatore. Non solo Miller ma anche Mario Chalmers e Shane Battier hanno contribuito a questo festival di triple di Miami, finendo la partita con un incredibile 14 su 26.

Con pochi minuti alla fine i Thunder hanno alzato bandiera bianca, mettendo i panchinari in campo, e con 3 minuti alla fine anche Miami ha dato la standing ovation a LeBron, Wade e Bosh. Nonostante la sconfitta, onore a Oklahoma City che ha sempre lottato e ha pagato errori forse anche di esperienza in gara 2, 3, e 4. Ma con un nucleo come Durant, Westbrook, Harden e Ibaka, tutti sotto i 24 anni, siamo sicuri che questa non sarà la loro ultima finale, e magari la delusione della sconfitta avrà lo stesso effetto per i Thunder che ha avuto per LeBron e gli Heat.

Alla fine LeBron ha dichiarato che dopo 9 anni può finalmente dire di essere un campione e di esserci riuscito lavorando duramente per migliorarsi dopo il fallimento dello scorso anno. Anche per questo, la vittoria per lui e gli Heat ha un sapore ancora più dolce. Dopo una notte di festeggiamenti a Miami, adesso non si aspetta altro che la parata dei giocatori che si svolgerà la prossima settimana , quando il resto della città potrà ringraziare i giocatori e allenatori per questa grande gioia, la seconda dopo quella del 2006.


Torna alla prima pagina

Scrivi un commento

Disclaimer

I testi del sito contengono informazioni generiche e non sostituiscono in alcun modo l’ausilio di un avvocato. Si consiglia di rivolgersi ad un professionista per ulteriori informazioni ed assistenza.

Pubblcità

Contatti

Servizio Clienti
eMail
Chat
Pubblicità
VLMiami
Clicca qui
Entra
info@viverelavoraremiami
Customer Service
USA Mobile:
Email:

Commenti recenti

Vai alla barra degli strumenti